1. Crea un messaggio

Leggi le domande frequenti per creare un messaggio email
Leggi come gestire le cancellazioni
Leggi come
gestire la testata e pie' pagina

Ricordati di salvare il tuo messaggio durante la composizione perché la sessione scade dopo un'ora.
Nelle newsletter abilita le funzioni di tracciamento statistico e integra l'informativa per il trattamento dei dati personali.
Nelle newsletter usa la procedura di disiscrizione automatica di MaiUp per non far bloccare la tua email.

Leggi in questo documento i consigli per creare un'email perfetta 

 

 

2. Invia a una lista 

 

 

 

Quando carichi un nuovo elenco, caricalo in un gruppo creato appositamente.
Approfondisci le modalità e i consigli per l'importazione corretta dei destinatari 



 

 

 

 


Verifica ed eventualmente modifica i Gruppi già reimpostati
Usa Liste separate per newsletter in lingue diverse.
Fai sempre un invio al gruppo test, creato con indirizzi di prova. Clicca su tutti i link, compreso quello per cancellarsi.
Ottimizza il tuo invio con la funzione A/B Test 

 

 

3.Traccia i risultati

Le statistiche e i confronti tra più invii sono indispensabili per scegliere e creare messaggi sempre più efficaci. Per esempio, se il CTOR è basso, significa che il messaggio non sollecita l'azione.
Leggi come interpretare le statistiche di invio


Crea sempre un messaggio nuovo e non modificarne uno già inviato: così ottieni statistiche coerenti con l'invio.
Usa sempre un nome mittente conosciuto, scrivi un oggetto breve e anticipa in questo la parte interessante del contenuto: così aumenti il tasso di apertura.

 

Gestisci i destinatari

Gestisci le modalità di disiscrizione dei destinatari

Se vuoi segmentare i destinatari, crea più gruppi: al momento dell’importazione i vari elenchi possono essere assegnati a uno o più gruppi.
Questo agevola la gestione in futuro. Se l’utente clicca sul bottone di "disiscrizione", sarà rimosso dall’invio. 

 

Non cancellare mai un destinatario ma disabitalo. Se lo fai, non puoi risalire all'operazione in caso di contestazioni presso il Garante, perdi il dato statistico sui disiscritti e rischi di reinserire l'utente per errore.